Performance su Twitter: come monitorarle?

 “Ogni parola, foto, video e follower può avere un impatto.” (Twitter Analytics)

Analytics è il termine con cui ci si riferisce ai dati e alle statistiche che riportano le performance della pagina social della tua cantina, che sia Facebook o Twitter, di cui vi parliamo in questo articolo.

Le statistiche di Twitter, come quelle degli altri social network, ti aiutano a capire in che modo i contenuti che condividi su Twitter facciano crescere il tuo business, e soprattutto quanto i tuoi sforzi vengano ripagati: se i tuoi tweet non funzionano, cioè non raggiungono gli obiettivi che ti sei posto, allora devi cambiare qualcosa.

Ora, abbiamo un’enorme quantità di dati a nostra disposizione, basta solo usarli al meglio! Il primo passo ideale è sapere quali dati sono utili al nostro scopo ed analizzare le proprie performance in modo adeguato, il più semplicemente possibile.

In particolare, su Twitter, la performance della tua pagina è rappresentata dall’ engagement, che è composto dall’insieme di interazioni dei tuoi follower: like, Retweet, “segui”, impressioni, preferiti, uso o ricerca del tuo hashtag, ricerca del tuo profilo, e risposte ai tuoi Tweet. Tutte queste interazioni hanno un significato ed una risonanza diversi, ad esempio:

  • i Retweet indicano che il tuo Tweet è stato decisamente interessante per il follower, tanto da condividerlo e farlo conoscere anche alla propria cerchia di seguaci;
  • i Like, invece, sono di solito un segno di apprezzamento, e quindi più “deboli” dei Retweet, ma comunque di valore.

Entrambe queste metriche stanno sotto il macro-termine “engagement”, ma portano a conclusioni diverse. Un’atra cosa ancora è l’ “engagement rate”, cioè il numero di interazioni diviso per le impressioni: le visualizzazioni del Tweet che hanno portato un risultato.

Tutte le informazioni riguardo l’engagement della pagina Twitter della tua cantina sono monitorate su scala mensile dal social network, che ti mostra i risultati che hai ottenuto, i tuoi Tweet migliori,  gli influencer nell’ambito vitivinicolo, ecc.
E trovi anche le statistiche relative ad ogni singolo Tweet, così sai esattamente quanti utenti di Twitter hanno visualizzato, ritwittato, messo Mi piace e risposto a ogni Tweet.

Quali sono i benefici di avere così tanti dati a propria disposizione?

  1. Conoscere la propria audience
    Sapere quali sono gli utenti che ti seguono su Twitter, scoprire l’andamento dei follower, i loro interessi, i dati demografici che li riguardano, è di vitale importanza per poter indirizzare meglio le informazioni da pubblicare. Se conosci il tuo target, pubblichi ciò che gli interessa e aumenti le tue performance nel tempo.
  2. Twittare nel momento migliore
    Perchè il tempismo è importante? Perchè ti permette di comparire nella bacheca dei tuoi follower al momento giusto, così da dare maggiore visibilità a ciò che pubblichi ed aumentare ancora di più le performance dei tuoi tweet.
  3. Replicare i tuoi successi
    Quando trovi la formula efficace migliorala, non cambiarla!
    Per ogni Tweet che pubblichi, puoi monitorare sia il tasso di interazione che il numero di visualizzazioni e interazioni della pagina. Inoltre, cliccando sul singolo Tweet, si possono vedere informazioni più specifiche sulle interazioni, così da poter capire e replicare ciò che ha funzionato sui Tweet con maggiore engagement. Quando scopri cosa ha maggiore risonanza tra il tuo pubblico, puoi iniziare a twittare contenuti simili!

L’importante per una buona performance, prima del monitoraggio, è avere degli obiettivi chiari ed un “piano d’azione”. Senza di questo si rischia di sprecare energie e di non vedere risultati positivi dai propri sforzi.