La lead generation: cos’è? Perchè sfruttare internet per crearla?

Avete mai sentito parlare di lead? Chi sono? Perchè sono importanti? Cos’è la lead generation? Ecco, cominciamo dall’inizio.

I lead sono tutte quelle persone che hanno manifestato un interesse verso uno o più vostri prodotti.
Avete mai provato a raccogliere informazioni chiamando la gente a casa e sottoponendo un questionario? Com’è andata? Sicuramente meno bene di quanto vi aspettaste e probabilmente malissimo. Perchè? Perchè il campione di papabili consumatori del vino che producete e/o commercializzate non era evidentemente a conoscenza del vostro marchio o non voleva, più semplicemente, perdere tempo a rispondere a domande inutili (per loro).
Cosa succederebbe invece se le stesse domande le poneste a persone davvero interessate, persone che hanno già manifestato il loro interesse partecipando a vostri eventi o comprando il vostro prodotto e lasciandovi le loro opinioni su internet o dal loro rivenditore di fiducia? Sarebbero sicuramente più propense ad esprimere nuovamente il loro pensiero, giusto?

Ecco, queste persone sono i lead e vanno seguite e generate continuamente perchè sono fonte di informazioni e di altri lead: la lead generation inizia anche da loro.
Uno studio del 2015 ha rilevato che l’89% dei partecipanti usa soprattutto le mail per generare lead, seguite da content marketing, motori di ricerca ed eventi. I dati di quest’anno sono sicuramente più spostati verso l’online, non solo con le mail, ma anche e soprattutto tramite le nuove tecniche permesse dai social network.

La lead generation è l’insieme delle azioni di marketing atte a trovare delle modalità uniche per attrarre, in modo naturale e apparentemente nato da una loro stessa volontà, nuovi consumatori verso il proprio business: un modo di stimolare l’interesse e “catturare” potenziali clienti e portarli verso un percorso di eventuale acquisto. E’ il primo punto di quello che abbiamo descritto come “Customer Journey“, cioè la considerazione di un marchio tra i tanti del mercato di uno specifico prodotto quale il vino.

Perchè i lead sono necessari anche nel mercato vitivinicolo?

Ecco una breve spiegazione del percorso che viene solitamente intrapreso, all’interno del web, per avere dei risultati tangibili:

  • da “estranei”, i consumatori vengono attratti e diventano
  • “visitatori”, che a loro volta possono essere convertiti in
  • “lead”. Se poi si riesce ad avvicinarsi e mantenere un rapporto con questi lead, allora essi comprano il prodotto, così diventando
  • “consumatori” a tutti gli effetti. A loro volta, i consumatori, per rimanere fedeli ad un marchio o ad una azienda (la vostra), vanno “deliziati” e va curato il rapporto che si è instaurato, creando un’offerta ad hoc per il cliente (anche considerando dove si trova in quel momento all’interno del customer journey). In questo modo avrete la loro fiducia e loro diventeranno i
  • promotori” del vostro prodotto al posto vostro.

Arrivati al punto finale, cioè avendo portato i consumatori ad essere loro stessi i promotori del vostro prodotto, potete dirvi soddisfatti: il vostro lavoro di ricerca di nuovi clienti diminuirà (anche se non si estinguerà mai) perchè verrà portato a termine dai clienti stessi, soprattutto in un’era in cui l’e-commerce e le recensioni sono di vitale importanza per gli altri consumatori perchè vengono viste come autentiche e non guidate dall’azienda.

Generare lead è ciò che si è sempre fatto: cercare persone interessate al prodotto che poi lo comprassero. Solo che lo si è fatto in maniera diversa rispetto a come lo si può fare ora, riducendo la percezione di invadenza e aumentando l’efficacia delle azioni perchè, attraverso il web, il consumatore si sente responsabile della “scoperta” di un “nuovo” vino o di una nuova azienda vitivinicola, mentre invece è l’azienda stessa che è artefice di una promozione del proprio prodotto che non invade lo spazio del potenziale cliente. In questo modo internet, e soprattutto i social network, diventano un mezzo tramite il quale l’azienda riceve informazioni utili e nuovi contatti realmente interessati a ciò che vende: inizia la generazione di lead e la creazione di un database che può davvero aumentare le vendite aziendali.

Come si conquista la Generazione Y?

Tanto si sente parlare della generazione Y, i Millennials perché rappresentano quella fetta di mercato su cui puntare al giorno d’oggi. In un nostro articolo, Chi sono i Millennials?  Perché sono importanti per le aziende italiane di vino?, abbiamo descritto le caratteristiche di questo gruppo di consumatori e le loro abitudini nell’acquisto.

Stando ad una ricerca dell’Advisium Group di Barcellona, entro il 2025 sarà proprio la generazione Y a contare per più del 50% nelle vendite di vino ad alcolici, ed è per questo motivo che i produttori devono cercare di conquistare gli appartenenti a questo gruppo. Continua a leggere

L’importanza delle partnership online

AP_Vinitaly-Wine-Club-la-tua-Enoteca-Online

Da poco ci siamo evoluti e come potete leggere nel nostro ultimo articolo Nuovi orizzonti abbiamo attivato una partnership con il blog club-del-vino.com !

Le partnership online sono fondamentali per aumentare la visibilità del marchio. Sui blog come sui social l’obbiettivo è raggiungere sempre più utenti veicolandoli al proprio sito, servizio o prodotto.Bisogna un po’ guidare

Continua a leggere

Fortuna? No, strategia!

2017.06.06 Strategy

Eccoci arrivati finalmente al quinto ed ultimo step della creazione di un brand, che poi va in concomitanza con gli altri quattro pilastri di un marchio: nome, logo, identità e qualità. Di questi ve ne abbiamo parlato negli scorsi articoli ed ora vogliamo concludere questa serie parlandovi di strategia.

Cos’è una strategia? Cosa si intende dire con “strategico”? E perché è così importante da non poterla tralasciare? Continua a leggere

Siete un Toro o un Asino? L’identità del marchio.

Iron-Grill-Restaurant-Brand-Identity-by-End-of-Work-Sydney-Australia

Il concetto di brand abbiamo capito che è fondamentale in ogni business ed in particolare in quello del vino. Certamente in questo mercato la qualità fa da padrona, ma senza un forte marketing ( no – non è una brutta parola ) si rischia che non venga conosciuta dagli appassionati consumatori. Il primo elemento di cui vi abbiamo parlato è proprio il nome: scoprite com’è nato il Manzoni bianco “Madre” nel nostro articolo Come chiamare un vino: anche il naming è marketing. Il nome del vino o della cantina possono avere diverse caratteristiche che abbiamo analizzato qui, le quali sono strettamente legate al logo altro importante elemento che definisce il brand di un business.

Ma l’identità di un brand come si crea? Si decide? Cresce insieme all’azienda? Continua a leggere

Naming: che caratteristiche può avere?

La scorsa settimana abbiamo parlato di cos’è il naming nel nostro articolo “Come chiamare un vino: anche il naming è marketing.”. Oggi analizziamo le varie tipologie di naming perchè non ce n’è una soltanto, ma, come vedremo, il tipo di nome che si può dare alla propria azienda e ai propri vini può essere Continua a leggere

Come chiamare un vino: anche il naming è marketing.

Il “naming” è un termine anglosassone ormai entrato nel vocabolario dei markettari di tutto il mondo, ma cosa significa?

Il naming è il modo in cui si dà il nome, appunto, ad un prodotto, un servizio, insomma un business con dietro i concetti e le strategie di marketing. Nel settore vitivinicolo Continua a leggere

Integrare la comunicazione online e offline: consigli per il successo

La maggior parte delle aziende, soprattutto nel business del vino, sono rimaste vincolate a un tipo di strategia unicamente offline, ovvero a strategie legate alla comunicazione diretta fuori dalla rete. Come abbiamo già parlato nei nostri articoli precedenti, la comunicazione attraverso un blog o dei social media sta assumendo una importanza crescente: per alcuni settori é già da alcuni anni fondamentale per raggiungere i propri clienti, e sempre di più acquista importanza nel settore alimentare, specialmente nel vino. Ma come unire il mondo offline a quello online? Continua a leggere

Performance su Twitter: come monitorarle?

 “Ogni parola, foto, video e follower può avere un impatto.” (Twitter Analytics)

Analytics è il termine con cui ci si riferisce ai dati e alle statistiche che riportano le performance della pagina social della tua cantina, che sia Facebook o Twitter, di cui vi parliamo in questo articolo.

Le statistiche di Twitter, come quelle degli altri social network, ti aiutano a capire Continua a leggere