Simone Roveda, un italiano il quarto instagramer mondiale nel mondo del vino

Avete letto l’articolo della scorsa settimana? Era l’inizio di questa intervista dove continuiamo a sentire la voce di Winery Lovers, Simone Roveda, quarto instagrammer mondiale nel settore vino. Oggi risponderà ad altre domande interessanti riguardo il mondo dei social network e la figura dell’influencer!

Quanto importante è la figura dell’influencer nell’acquisto di un vino?
Partiamo dal presupposto che siamo tutti influencer perché tutti diamo consigli, feedback o una nostra opinione che “influenza” le scelte di altri. Ciò che distingue gli influencer più rinomati da tutti gli altri è la reputazione che si sono fatti, in questo caso nel web. Ciò che aiuta a crearsi una buona reputazione sono trasparenza, competenza e senso di responsabilità, qualità di cui parlavamo prima. 

L’influencer, grazie alla sua reputazione, aumenta la visibilità di un marchio o di un vino, sponsorizzandoli e raggiungendo anche quei consumatori che i canali tradizionali non raggiungerebbero. Oltre al prodotto in sè, l’influencer può sponsorizzare anche eventi aperti al pubblico e così facendo introduce i meno esperti al mondo del vino: gli influencer sono i nuovi messaggeri del mondo vitivinicolo. Da notare però che convivono e collaborano con i giornalisti, visti i canali diversi in cui operano e i target diversi a cui si rivolgono.

 

Cosa cerca il pubblico nei social network?
Secondo me ciò che cerca l’utente medio nei social è qualcosa di non banale, qualcosa di originale, interessante e nuovo. Indipendentemente dal vero utilizzo che possono fare di un’informazione (ad esempio ciò che una cantina sta facendo nella vigna), quello che è importante è il fattore emozionale: quella foto della vigna riesce a suscitare un’emozione positiva sull’utente e portarlo a reagire con una sua azione, sia questa il semplice like o un interesse più approfondito. Creare la curiosità è fondamentale, parte tutto da lì.

Parlando dei millennials, come vengono coinvolti nel conoscere il mondo del vino? Hai notato una curiosità crescente in questi anni grazie ai social e il web?
Sicuramente la curiosità sta crescendo. All’ultimo evento che sono andato, Only Wine Festival, ho proprio notato questo avvicinamento da parte loro che erano una buona percentuale dei partecipanti. Questo, visto il precedente calo drastico del consumo del vino, è un aspetto molto positivo per i produttori che ora possono educare questi nuovi consumatori e renderli curiosi del vino che assaggiano e bevono. Tramite i social, soprattutto Instagram per via del target, si riesce ad avere un approccio più semplice e immediato che consente a tutti di avere un’informazione base. Ad esempio, trovare la giusta bottiglia per far colpo sulla fidanzata. Ovviamente, nel momento in cui uno vuole saperne di più, i corsi sono la scelta migliore. Secondo la mia opinione è proprio questo facile accesso alle informazioni che permette di avere un incremento del consumo di vino, anche più particolare e meno conosciuto.

La conoscenza del marketing è importante per far funzionare un profilo social?
Sicuramente sì. Ognuno è bravo nel proprio settore, quindi rivolgersi a degli esperti è l’azione più proficua che si possa fare. Poi dipende dal proprio obiettivo, ma quando si decide di creare un account per conto proprio bisogna tenere conto che darà risultati minori rispetto a se viene creato da chi lavora nel campo. Improvvisandosi non si va da nessuna parte, servono una strategia e un piano oltre ad un obiettivo.
Giovanni Ederle, un piccolo produttore che collabora con me e ha creduto in me fin dall’inizio, è al secondo posto delle cantine italiane su Instagram, che gli porta nuovi clienti in cantina. E arrivano perchè lo vedono e conoscono tramite Instagram!
Quindi se si ha un esperto, i risultati si vedono e sono importanti.

A tuo parere come evolverà il mondo dei social network e in particolare la tua figura di influencer?
Nei prossimi anni la figura dell’influencer sicuramente si rafforzerà perchè il mondo del vino si sta affacciando ora a questi nuovi canali di comunicazione. Non so cosa riserverà il futuro più lontano, ma sicuramente le figure cardine di questi anni cambieranno ed evolveranno, magari verranno addirittura superate da altre figure più innovative. Ciò che è importante da ricordare è che l’innovazione nel modo di comunicare è la chiave per la forza e la permanenza all’interno del mondo social.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...