Conegliano-Valdobbiadene DOCG: l’autentico Prosecco

Il legame che esiste tra un prodotto e il suo territorio di produzione fa sì che vi sia una connessione tra i due fattori che si basa sulla storia, cultura e tradizione del territorio stesso. Oggi parliamo del Prosecco DOCG e della sua terra d’origine.

Il Prosecco è un vino con una storia antichissima ed è da sempre un patrimonio gelosamente custodito dalle terre e dalle generazioni che lo hanno prodotto durante il trascorrere del tempo. Seppur sia coltivato indipendentemente nei luoghi più disparati in giro per il mondo, il risultato che si ottiene non è sempre lo stesso. Infatti, non può esserci paragone con la produzione di Prosecco dei vigneti della zona del Valdobbiadene-Conegliano dove questo vino regna principe da più di 300 anni. Questo territorio di produzione è rappresentato dalla fascia collinare del Marca Trevigiana che comprende i comuni di: Conegliano, il Feletto, Refrontolo, Vittorio Veneto, Miane, Valdobbiadene, Vidor, Farra di Soligo, Pieve di Soligo e Susegana.

Andiamo ad individuare le caratteristiche proprie di questo vino. Vi sono tre tipologie del Conegliano-Valdobbiadene: Prosecco superiore DOCG, DOCG Rive, DOCG Superiore di Cartizze. Il primo, è uno spumante DOCG prodotto esclusivamente nelle colline di Conegliano Valdobbiadene. Tra queste colline, le cantine del luogo miscelano sapientemente le uve coltivate e creano del vino a km0 che si può degustare nelle varie declinazioni Brut, Dry ed Extra Dry. Passiamo al Prosecco DOCG Rive. Il termine ‘Rive’ sta ad indicare le pendici delle colline che caratterizzano questa terra. Il prosecco Rive nasce dai vigneti che si distinguono per la loro ripidità e dal fatto che le uve, raccolte esclusivamente a mano, provengono da un unico Comune. La denominazione si suddivide in 43 Rive che si possono distinguere a seconda della peculiarità del suolo, esposizione al sole e microclima. Il terzo e ultimo Prosecco di cui andiamo a parlare è il DOCG Superiore di Cartizze. Questo proviene da una sottozona a forma di pentagono che racchiude 107 ettari di vigneto. In questa piccola zona esiste un perfetto microclima dolce che si sposa alla perfezione con i terreni piuttosto antichi. I luminosi riflessi dalle tinte pastello illuminano il colore giallo paglierino tipico di questo vino. I profumi fruttati di intesta pesca e albicocca si combinano al sapore morbido e fresco. Un vino per tutti gusti.

La qualità che caratterizza il Prosecco DOCG è nota in tutto il mondo tanto che si posiziona tra i vini più amati e venduti worldwide. Per questo motivo vogliamo onorarlo con questa citazione di Tullio De Rosa:
dalle colline da cui nasce esso diffonde la sottile malia su quanti lo ricercano nelle tiepide giornate di primavera, quando il suo profumo di fiori, il suo profumo di miele selvatico si mescola con i cento, coi mille profumi di fiori che allora innondano le rive. Un calice di Prosecco, dal bel paglierino leggero, scrico di tinta, con qualche perla gassosa che si svolge nel bicchiere, è un compiacimento, è un godere le piccole gioie che ancora riusciamo a strappare alle preoccupazioni di tutti i giorni. Così dev’essere un bianco: un invito a bere, un poco d’manità a nostra disposizione”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...