Qualità o quantità? L’ossessione dei “Mi Piace”

Si sa, nella vita i numeri sono importanti. Ma quanto contano i numeri nella vita social di un business? Oggi parliamo di quei numeretti che variano in continuazione e che talvolta non si è in grado di spiegarne il perché: i mi piace. Dai cuoricini di Instagram alle reaction emoji di Facebook, ci sono molti modi per esprimere se una pagina social e il suo contenuto ti interessa.

Il pensiero comune tende a considerare il successo del proprio business in base ai mi piace che è riuscito a raggiungere nella propria pagina social. Più alto è il numero, piùgrande è il successo. Ma come possiamo essere sicuri della provenienza di questi mi piace? Ecco la domanda che tutti i business, anche nel mondo vitivinicolo, dovrebbero porsi per individuare il vero interesse dietro ai minacciosi e sovrastimati like.

Tuttavia, partiamo dal fatto obiettivo che sia più che comprensibile e naturale pensare a like e follower come fattori chiave nella salute di un’azienda. Infatti, esistono numerosi vantaggi nell’ avere dei numeri alti da questo punto di vista: le persone tendono a seguire quegli account che hanno grandi seguiti, si è più presenti nella rete e quindi più facili da intercettare tra la folla e tendenzialmente si cresce più velocemente di un account con quantità minori.

Tuttavia, questa logica non rispecchia la realtà. Il numero di mi piace e follower che si può avere non è sempre direttamente collegato con un valore misurabile. Di conseguenza i mi piace non corrispondono a una linea di entrate, né corrispondono a un livello di consapevolezza del marchio, dal momento che molti di questi possono provenire da utenti indifferenti. La verità è che, per la maggiore, il numero di follower non è neanche lontanamente importante quanto il tipo di follower.

È importante sottolineare che la maggioranza degli utenti dei social media è relativamente stagnante, consuma informazioni senza contribuire o interagire molto. D’altra parte vi è però una minoranza di utenti di social media che è iper-connessa, che influenza centinaia e milioni di altri utenti e interagisce con marchi e individui su una base coerente e concreta.

Questa idea fornisce la base per sostenere che il numero totale di mi piace e follower non è così importante come la maggior parte degli imprenditori pensa. Si possono avere 1.000.000 di follower, ma se nessuno di loro interagisce con il contenuto condiviso, quel milione non ha senso. Tuttavia, se ci sono 100 follower che sono costantemente attivi, condividono i contenuti e rispondono alle, nasce una base social valida e solida.

One thought on “Qualità o quantità? L’ossessione dei “Mi Piace”

  1. Pingback: Foto foto foto! Il visual marketing è un must anche nel vino | Voce al Vino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...