Adwords: serve per promuovere il vino?

adwords-1

Vi siete mai chiesti come aiutare il vostro blog, o sito, o piattaforma e-commerce a ottenere una maggiore visibilità nei motori di ricerca? Per rispondere a questa domanda vi sono due materie principali, complementari ma ben distinte, che aiutano a promuovere il nostro sito all’interno del Web, definite SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing).

Se la SEO essenzialmente mira a ottimizzare il nostro sito tra i risultati organici dei motori di ricerca, la SEM è composta da tutte le attività di web marketing che hanno l’obbiettivo di far crescere la vostra visibilità e rintracciabilità. Quando parliamo di SEM non possiamo che non parlare di AdWords, lo strumento fornito da Google per pubblicizzare il sito o alcune pagine particolarmente importanti attraverso degli annunci.

Perché pagare per dare visibilità al proprio sito?

Quando pensiamo a una campagna AdWords per il nostro sito, dobbiamo sempre considerare che questo strumento può portarci dei grandi vantaggi anche a breve termine. Infatti, nonostante l’ottimizzazione delle vostre campagne sia un processo continuo che non dovrete mai considerare concluso, l’attività SEM rispetto a quella SEO porta a risultati maggiormente visibili nel breve termine. Non si deve tuttavia fare l’errore di preferire una pratica all’altra, perché come detto entrambe sono fondamentali e vanno equilibrate per avere un successo duraturo nel tempo. Inoltre, considerando che AdWords richiede un investimento di denaro immediato per le vostre campagne sottolineiamo l’importanza dello studio di tutte le sue metriche che ci permetteranno di ottimizzare e risparmiare notevolmente sui nostri annunci.

AdWords si dimostra particolarmente utile per posizionarci in alto, quando con sole pratiche SEO non saremmo capaci di prevaricare la concorrenza. Infatti, quasi il 95% di utenti che navigano con Google, il principale motore di ricerca in Italia, si ferma alla prima pagina. Tuttavia, un investimento su AdWords deve necessariamente essere accompagnato dalla cura del sito altrimenti non riuscirete in ogni caso a comparire negli annunci a pagamento.

Si paga solo la visibilità che otteniamo

Sì, perchè con il metodo proposto da AdWords pay per click pagherete solo quando un utente cliccherà nel vostro annuncio e sarà reindirizzato sulla pagina del vostro sito che preferite. Infatti, con uno studio di una landing page ad hoc per l’annuncio aiuterete il consumatore a giungere più velocemente possibile alle informazioni che cercava. Questo, come già analizzato nella nostra analisi del customer journey, può chiaramente portarvi un vantaggio competitivo personalizzando l’esperienza dei vostri visitatori.

Il pay per click è un aspetto fondamentale per monetizzare dai vostri investimenti nelle campagne AdWords e facilita molto la misurazione delle metriche, grazie a un’ottica sempre orientata sul bilanciamento tra costi e guadagni (che siano in termini di denaro o visibilità). Grazie a questa strategia infatti, ricoprono un ruolo fondamentale i seguenti indicatori direttamente monitorabili su Adwords:

  • CTR (click through rate): una percentuale data dal numero di click sul vostro annuncio degli utenti, rispetto alle impressioni nel motore di ricerca (quante volte l’annuncio compare nelle ricerche). Un alto CTR indica che state ottimizzando il vostro annuncio riducendo il suo costo ad ogni click.
  • CPC (cost per click): Vincolato alla performance del vostro CTR, analizza i costi totali delle campagne proporzionato al numero di click. Misura quanto pagate mediamente per un click di un visitatore.
  • Posizione Media: Indica quanto in alto dovete aspettarvi di trovare il vostro annuncio rispetto alla concorrenza. Maggiore la qualità del vostro annuncio, del sito e l’investimento che siete disposti a pagare e migliore sarà la posizione del vostro annuncio nel motore di ricerca.
  • ROI: Il ROI è la metrica finale per eccellenza che indica quanto state “guadagnando” dal vostro investimento. Esso, infatti, rapporta i risultati legati al raggiungimento del vostro obbiettivo al costo totale investito. Spiegheremo meglio questa metrica successivamente nel nostro articolo.

Con il Vino cosa ci guadagno?

AdWords ha moltissime possibilità di pubblicizzare il proprio sito, dalla scelta delle parole chiave, alle estensioni degli annunci, all’ottimizzazione a livello di posizione geografica. Molto dipende dal vostro obbiettivo che determinerà il ROI (Return on Investment) che viene calcolato in maniera personalizzata a seconda appunto della strategia e della ragione per cui pubblicizzate una determinata pagina. Se il ROI è ciò che ci aspettiamo di ottenere dal nostro sito o da una campagna AdWords, dobbiamo anche ricordarci di creare una tracciabilità tra la misura del ROI e il guadagno vero e proprio.

Per esempio potremmo creare un annuncio specifico se possediamo una piattaforma e-commerce, indirizzando l’utente all’acquisto immediato. In questo caso il nostro ROI potrebbe essere il guadagno derivato dalle vendite online.

Ma se volessimo semplicemente incentivare i nostri utenti a iscriversi alla nostra newsletter? In questo caso la strategia delle nostre campagne AdWords sarebbe completamente differente e così le metriche da misurare.

Se vuoi collaborare con noi e approfondire i tuoi possibili obbiettivi per impostare una campagna AdWords contattaci. Saremo lieti di offrirti la nostra consulenza e di iniziare insieme un percorso mirato alla promozione pubblicitaria della tua azienda!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...